Passa ai contenuti principali

Visit Brescia vince gli Hospitality Social Award 2020

Al primo posto nella categoria “Destinazioni turistiche”: Visit Brescia, la Destination Management Organization bresciana, si è aggiudicata il primo gradino del podio nell’ambito del riconoscimento nazionale che premia le eccellenze del Social Media Marketing turistico.

Prima classificata nella categoria “Destinazioni turistiche”: Visit Brescia, la Destination Management Organization bresciana che promuove il turismo di Brescia e della sua provincia, è salita sul podio della della 9^ edizione del premio nazionale “Hospitality Social Award” per l’eccellente attività svolta sul fronte del Social Media Marketing turistico.
L’annuncio è stato dato al Palacongressi di Rimini, in occasione dell“Hospitality Day”, il più importante evento italiano dedicato al mondo dell’ospitalità. Alla premiazione erano presenti Graziano Pennacchio – AD Visit Brescia, Manuel Gabriele – Direttore Visit Brescia, Debora Simbeni – Social Media Manager Visit Brescia.

Ad illustrare le motivazioni è intervenuto Nicola Delvecchio di Teamwork, società di consulenza alberghiera promotrice del premio: “Il Premio è stato conferito a Visit Brescia per la capacità di comunicare un territorio in modo innovativo e in un periodo molto particolare, per l’organizzazione e la qualità dei contenuti. Si tratta di un messaggio importante: la comunicazione fatta bene, empatica, strategica e strutturata mettendo al centro il turista, porta ad ottimi risultati”.

Un traguardo prestigioso, quello raggiunto dell’ente bresciano con sede alla Camera di Commercio di Brescia, giunto a pochi giorni di distanza da un altro evento di rilevanza nazionale sul tema dei contenuti digitali: l’8^Assemblea Nazionale Igers Italia - il raduno per la promozione territoriale, turistica e culturale promosso dalla più grande community italiana nata attorno ad Instagram - che dal 25 al 27 settembre ha fatto di Brescia la sede delle proprie iniziative.

Così Graziano Pennacchio – Amministratore Delegato Visit Brescia ha accolto l’annuncio della vittoria: “Un grande risultato che segue di pochi giorni la soddisfazione di aver ospitato l’Assemblea nazionale Igers Italia che ha portato la città e la provincia all’attenzione nazionale. È il segno che la direzione presa è quella giusta. I Social sono formidabili strumenti di marketing territoriale utili a valorizzare le destinazioni turistiche della nostra provincia, per questo Visit Brescia è fortemente impegnata in numerose attività online finalizzate alla promozione turistica del territorio”.

Nel merito delle numerose iniziative intraprese e sull’importanza dell’universo social in termini di promozione e valorizzazione del territorio si è invece soffermato il Direttore di Visit Brescia, Manuel Gabriele: “Questo riconoscimento certifica l’impegno pluriennale di un ente che si è posto l’obiettivo di sviluppare sempre più l’attività online per la promozione turistica di Brescia e provincia. Proprio grazie all’attività online, anche nel momento più critico della pandemia non abbiamo mai smesso di supportare gli operatori con occasioni di formazione sui temi del digitale e di promuovere le diverse aree del territorio tramite contest, iniziative e challenge, pianificando al contempo attività promozionali da effettuare non appena la situazione l’avrebbe permesso. A questo proposito ricordo: oltre alla recente Assemblea Nazionale Igers Italia, abbiamo ora all’attivo sui nostri social la campagna di comunicazione “La provincia dei tesori” che ha visto il coinvolgimento di personalità come Licia Colò o Iginio Massari. Durante l’estate si è svolto un Influecer Tour con alcune tra le maggiori Influencer tedesche, a settembre ha avuto luogo la prima edizione del Gardameet, mentre gli Instameet nelle diverse aree del territorio e i photocontest tematici sono il nostro modo di coinvolgere la cittadinanza, invitando cittadini e turisti a condividere con noi i loro scatti. Viviamo in un territorio di cui dobbiamo essere orgogliosi, questo premio lo dedichiamo ai bresciani”.

I NUMERI
INSTAGRAM @visitbrescia - 34.183 follower (account turistico più seguito di Brescia)
53.582.362 visualizzazioni di post (da gennaio al 30 settembre 2020)
42.707.652 persone raggiunte (da gennaio a settembre 2020)

FACEBOOK @visitbrescia - 101.843 follower (account turistico più seguito di Brescia)
53.943.309 visualizzazioni post e 253.692 reazioni (da gennaio al 30 settembre 2020)

TWITTER @visitbrescia
259.123 tweet visualizzati (da gennaio al 30 settembre 2020)

CANALE YOUTUBE Visit Brescia
1.737.799 visualizzazioni di video (da gennaio al 30 settembre 2020)

IL PREMIO
Con 9 edizioni all’attivo, 1257 candidature totali, 2786 profili social esaminati e 71 riconoscimenti consegnati, Hospitality Social Awards 2020 è la prima iniziativa in Italia che premia le eccellenze del Social Media Marketing Turistico e dell’ospitalità. La 9^ edizione dell’iniziativa è ideata e organizzata da Teamwork, società di consulenza alberghiera.

www.visitbrescia.it 

Post popolari in questo blog

Brescia | itinerari sui sentieri della grande guerra | Gastronomia e Panorami

Quella che la provincia di Brescia svela quando la primavera alza il sipario sulle sue montagne è una vera e propria sinfonia dedicata agli amanti delle passeggiate in alta quota. Semplici, impegnativi o riservati ai professionisti del trekking di livello e dislivello, i sentieri che si diramano tra la Valle Camonica, la Valle Sabbia e la Valle Trompia non sono soltanto un parco divertimenti per i camminatori ma anche una costellazione di spunti storici che solleticano la curiosità e attivano la memoria. Tra i rifugi disseminati in paesaggi sensazionali e le testimonianze della Grande Guerra, Visit Brescia segna sulla mappa le tappe obbligate – o almeno consigliate – di un itinerario da percorrere a piedi o in mountain bike per toccare il cielo con un dito. Sentiero dei Fiori Non certo un percorso adatto a chi, lasciandosi ingannare dal nome, pensa di intraprendere una semplice passeggiata in un campo di margherite, il Sentiero dei Fiori è un’esperienza riservata a esperti in mate

Dicembre 2019 | Bormio - Escursioni nel Parco dello Stelvio con le ciaspole

Ciaspole-ph.-Bormio-Tourism Partenza ore 9:00 da Piazza V Alpini, Bormio     Sabato 7 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Alpe Solaz     Domenica 22 dicembre 2019 | Plaghera – Ponte delle Vacche – Pian delle Marmotte     Venerdì 27 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Pradecc – San Gottardo     Domenica 29 dicembre 2019 | S. Antonio di Scianno – Val Vezzola  *SCI ESCURSIONISMO*     Martedì 31 dicembre 2019 | semogo -Pian de L’acqua – Gembro Itinerari: gli itinerari potrebbero subire variazioni nei giorni precedenti l’effettuazione in funzione delle condizioni di innevamento e meteorologiche. Le escursioni saranno effettuate anche in assenza di neve. Equipaggiamento : giacca a vento, guanti, berretto, occhiali da sole, scarponi da montagna o scarpe invernali pesanti (no moon-boot), zaino, ghette, bastoncini da sci, racchette da neve Difficoltà : le uscite con racchette da neve non presentano difficoltà tecniche ma richiedono un minimo di allenamento alle escursioni in montagna Tariff

Val Poschiavina | Arrampicata su falesia a Sondrio e in Valmalenco

La roccia più diffusa in Valmalenco è il serpentino. Numerose sono le falesie in grado di soddisfare qualunque arrampicatore. Quella dello Zoia è un'ottima palestra naturale per chi vuole allenarsi e migliorarsi in un ambiente naturale unico, dove spesso si possono incontrare i migliori atleti italiani e non solo. Le altre falesie a più tiri sono quelle della Val Poschiavina, della diga di Campo Moro, del Torrione Porro e della Sentinella della Vergine. FALESIE DELLO ZOIA Da Campo Franscia salire fino Campo Moro (7 km). Dopo una curva, in vista del muro della seconda diga, lasciare l'auto nel grande piazzale del Rifugio Poschiavino. Dal parcheggio si possono notare i muri rossastri, caratterizzanti i tiri di quest'area. AREA DI CHIAREGGIO Chiareggio è culla della storia alpinistica e sede di gloriose scuole di alpinismo. Già a partire dal dopoguerra alcune pareti vicine all'abitato vennero utilizzate come palestra e scuola di roccia. Con l'avvento dell'arram