Passa ai contenuti principali

INAUGURATA REBECCO FARM, RIFERIMENTO PER LO SVILUPPO RURALE E TURISTICO DELLA VALLE TROMPIA

 È finalmente realtà Rebecco Farm, il progetto finanziato dal programma AttivAree di Fondazione Cariplo e dalla Comunità Montana di Valle Trompia per recuperare e riattivare il complesso rurale di Rebecco, a Lavone di Pezzaze, anche con l’aiuto dell’Università degli Studi di Brescia. Inaugurata lo scorso 17 ottobre, la Farm sarà ora un Centro per lo sviluppo della cultura rurale del territorio, pronto ad accogliere residenti e turisti in una struttura ricettiva agrituristica ma anche aggregativa e polifunzionale, che investa sulla cultura identitaria e sulla coesione sociale del luogo.

All’inaugurazione di sabato hanno partecipato il Presidente della Comunità Montana di Valle Trompia Massimo Ottelli, l’Assessore del Comune di Pezzaze Bontacchio Quirino, e il direttore dei lavori di restauro Barbara Scala, moderati dal Dirigente dell’Area Tecnica della Comunità Montana di Valle Trompia Fabrizio Veronesi. È stata un’occasione per scoprire in anteprima le nuove opportunità che Rebecco Farm mette a disposizione del territorio e dei suoi visitatori, sia nella nuova sala polifunzionale che negli spazi dedicati alla vendita e alla degustazione di prodotti tipici.

“Siamo lieti di essere riusciti, nonostante le difficoltà di questo anno particolare, a portare a compimento il ripristino della Rebecco Farm – ha affermato Fabrizio Veronesi – L’apertura di questo nuovo centro permetterà al territorio di mantenere e sviluppare una sua cultura rurale, offrendo al tempo stesso ai turisti e ai residenti nuove occasioni di aggregazione, di formazione e di divertimento.

Da non sottovalutare poi la valenza bike-friendly della struttura, che va a inserirsi perfettamente nel già felice quadro della Greenway delle Valli Resilienti, inaugurata lo scorso anno“.

Un tempo un complesso di casolari abbandonato, il centro è stato sottoposto a un lungo lavoro di ristrutturazione che, attraverso un restauro conservativo, ne ha comunque mantenuto le caratteristiche architettoniche tipiche, per valorizzare ulteriormente il territorio anche attraverso le forme tradizionali di edilizia rurale. Al suo interno ci saranno un agriturismo con otto posti letto e una sala polifunzionale, pronta a ospitare eventi culturali, corsi e vendita di prodotti del territorio. L’intero processo di restauro è stato documentato attraverso un filmato in time lapse, proiettato in sede di inaugurazione, dalla documentarista Carla Fausti.

I presenti all’inaugurazione hanno già avuto modo di osservare da vicino i nuovi locali del centro e di incontrare i Rebecco Farmers, le 5 aziende di agricoltori e produttori valtrumplini che hanno fatto rete (la prima in Italia di questo tipo) per occuparsi della gestione della struttura e che sono ormai da due anni al centro di un percorso formativo che ne esalta le capacità gestionali, educative e turistiche. Attraverso il Farmers market, inoltre, gli agricoltori possono anche vendere i loro prodotti, sia in loco (con evento a cadenza mensile durante la stagione estiva) che sul digitale, grazie all’utilizzo dell’App Linfa e di altre piattaforme di vendita online.

Rebecco Farm sarà inoltre una struttura bike-friendly, caratteristica questa che ben si sposa con la presenza della vicina Greenway delle Valli Resilienti e dei tanti percorsi ciclabili che la Valtrompia offre lungo i suoi sentieri.

Post popolari in questo blog

Brescia | itinerari sui sentieri della grande guerra | Gastronomia e Panorami

Quella che la provincia di Brescia svela quando la primavera alza il sipario sulle sue montagne è una vera e propria sinfonia dedicata agli amanti delle passeggiate in alta quota. Semplici, impegnativi o riservati ai professionisti del trekking di livello e dislivello, i sentieri che si diramano tra la Valle Camonica, la Valle Sabbia e la Valle Trompia non sono soltanto un parco divertimenti per i camminatori ma anche una costellazione di spunti storici che solleticano la curiosità e attivano la memoria. Tra i rifugi disseminati in paesaggi sensazionali e le testimonianze della Grande Guerra, Visit Brescia segna sulla mappa le tappe obbligate – o almeno consigliate – di un itinerario da percorrere a piedi o in mountain bike per toccare il cielo con un dito. Sentiero dei Fiori Non certo un percorso adatto a chi, lasciandosi ingannare dal nome, pensa di intraprendere una semplice passeggiata in un campo di margherite, il Sentiero dei Fiori è un’esperienza riservata a esperti in mate

Dicembre 2019 | Bormio - Escursioni nel Parco dello Stelvio con le ciaspole

Ciaspole-ph.-Bormio-Tourism Partenza ore 9:00 da Piazza V Alpini, Bormio     Sabato 7 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Alpe Solaz     Domenica 22 dicembre 2019 | Plaghera – Ponte delle Vacche – Pian delle Marmotte     Venerdì 27 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Pradecc – San Gottardo     Domenica 29 dicembre 2019 | S. Antonio di Scianno – Val Vezzola  *SCI ESCURSIONISMO*     Martedì 31 dicembre 2019 | semogo -Pian de L’acqua – Gembro Itinerari: gli itinerari potrebbero subire variazioni nei giorni precedenti l’effettuazione in funzione delle condizioni di innevamento e meteorologiche. Le escursioni saranno effettuate anche in assenza di neve. Equipaggiamento : giacca a vento, guanti, berretto, occhiali da sole, scarponi da montagna o scarpe invernali pesanti (no moon-boot), zaino, ghette, bastoncini da sci, racchette da neve Difficoltà : le uscite con racchette da neve non presentano difficoltà tecniche ma richiedono un minimo di allenamento alle escursioni in montagna Tariff

Val Poschiavina | Arrampicata su falesia a Sondrio e in Valmalenco

La roccia più diffusa in Valmalenco è il serpentino. Numerose sono le falesie in grado di soddisfare qualunque arrampicatore. Quella dello Zoia è un'ottima palestra naturale per chi vuole allenarsi e migliorarsi in un ambiente naturale unico, dove spesso si possono incontrare i migliori atleti italiani e non solo. Le altre falesie a più tiri sono quelle della Val Poschiavina, della diga di Campo Moro, del Torrione Porro e della Sentinella della Vergine. FALESIE DELLO ZOIA Da Campo Franscia salire fino Campo Moro (7 km). Dopo una curva, in vista del muro della seconda diga, lasciare l'auto nel grande piazzale del Rifugio Poschiavino. Dal parcheggio si possono notare i muri rossastri, caratterizzanti i tiri di quest'area. AREA DI CHIAREGGIO Chiareggio è culla della storia alpinistica e sede di gloriose scuole di alpinismo. Già a partire dal dopoguerra alcune pareti vicine all'abitato vennero utilizzate come palestra e scuola di roccia. Con l'avvento dell'arram