Passa ai contenuti principali

Un viaggio nel patrimonio museale della città di Brescia

Promuovere il “risveglio” artistico-culturale della città di Brescia, svelare la bellezza di un patrimonio che appartiene all’intera comunità, disegnare insieme un futuro di speranza e rinascita.
Con questi obiettivi SMK Factory per Fondazione Brescia Musei ha realizzato il corto “L’Ora del Risveglio”, un omaggio alla città di Brescia e al suo patrimonio storico-artistico, realizzato in occasione della riapertura dei Musei successiva al lock-down determinato dall’epidemia covid-19.

 “Un invito alla contemplazione della bellezza esteriore ed interiore che ci appartiene” spiega il regista Nicola Zambelli, “ma allo stesso tempo uno stimolo a guardare con fiducia verso il futuro e alla condivisione come forma di resilienza.”

Il film, concepito come una performance e realizzato in cinque giorni e cinque notti, si compone di cinque atti, scanditi in cinque versi, e vede come protagonista la figura di un custode (Davide Sforzini) che, dopo il risveglio su un prato fiorito nel Castello di Brescia, inizia un viaggio onirico all’interno di alcuni spazi museali (il Museo delle Armi Luigi Marzoli, la Pinacoteca Tosio Martinengo, il Museo di Santa Giulia e il Capitolium), un viaggio che getta nuova luce sui significati culturali dei luoghi, instaura relazioni simboliche con le opere custodite nei musei e ricorda a ciascuno di noi come chiunque sia il custode dello spazio comune che abita, della vita collettiva a cui partecipa e alla cui crescita può contribuire.

I cinque atti sono preceduti da un prologo a carattere documentaristico che colloca il viaggio del custode nel momento storico in cui avviene la performance e nomina emotivamente il periodo appena trascorso. Al numero cinque è associato l’Archetipo del Cercatore, simbolo dell’esplorazione e del cambiamento.

I filmati sono stati realizzati interamente attraverso la tecnica fotografica dello stop-motion e la modalità di ripresa video in super slow-motion attraverso 15.000 fotografie, creando un effetto di trasfigurazione del movimento in grado di spingere l’osservatore a superare l’immobilità e la frammentazione del lock-down (rappresentato mediante il ricorso allo stop-motion) e immaginare il futuro che ci aspetta, ripartendo da un movimento in slow-motion, metafora della fase attuale che stiamo vivendo.

“L’Ora del Risveglio” dialoga con il linguaggio della fotografia, del video, della musica, del documentario, del teatro, della danza, dell’arte figurativa, dell’architettura e della poesia in un’ideale commistione di generi e linguaggi che vuole rappresentare la bellezza del nostro mondo, la ricchezza della nostra città, le possibilità che ci restano ancora da esplorare insieme.

“L’Ora del Risveglio” è prodotto da Fondazione Brescia Musei e da SMK Factory

Regia di Nicola Zambelli

Interprete Davide Sforzini

Il film è disponibile sul portale www.openddb.it

https://www.openddb.it/film/lora-del-risveglio/

Post popolari in questo blog

Brescia | itinerari sui sentieri della grande guerra | Gastronomia e Panorami

Quella che la provincia di Brescia svela quando la primavera alza il sipario sulle sue montagne è una vera e propria sinfonia dedicata agli amanti delle passeggiate in alta quota. Semplici, impegnativi o riservati ai professionisti del trekking di livello e dislivello, i sentieri che si diramano tra la Valle Camonica, la Valle Sabbia e la Valle Trompia non sono soltanto un parco divertimenti per i camminatori ma anche una costellazione di spunti storici che solleticano la curiosità e attivano la memoria. Tra i rifugi disseminati in paesaggi sensazionali e le testimonianze della Grande Guerra, Visit Brescia segna sulla mappa le tappe obbligate – o almeno consigliate – di un itinerario da percorrere a piedi o in mountain bike per toccare il cielo con un dito. Sentiero dei Fiori Non certo un percorso adatto a chi, lasciandosi ingannare dal nome, pensa di intraprendere una semplice passeggiata in un campo di margherite, il Sentiero dei Fiori è un’esperienza riservata a esperti in mate

Dicembre 2019 | Bormio - Escursioni nel Parco dello Stelvio con le ciaspole

Ciaspole-ph.-Bormio-Tourism Partenza ore 9:00 da Piazza V Alpini, Bormio     Sabato 7 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Alpe Solaz     Domenica 22 dicembre 2019 | Plaghera – Ponte delle Vacche – Pian delle Marmotte     Venerdì 27 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Pradecc – San Gottardo     Domenica 29 dicembre 2019 | S. Antonio di Scianno – Val Vezzola  *SCI ESCURSIONISMO*     Martedì 31 dicembre 2019 | semogo -Pian de L’acqua – Gembro Itinerari: gli itinerari potrebbero subire variazioni nei giorni precedenti l’effettuazione in funzione delle condizioni di innevamento e meteorologiche. Le escursioni saranno effettuate anche in assenza di neve. Equipaggiamento : giacca a vento, guanti, berretto, occhiali da sole, scarponi da montagna o scarpe invernali pesanti (no moon-boot), zaino, ghette, bastoncini da sci, racchette da neve Difficoltà : le uscite con racchette da neve non presentano difficoltà tecniche ma richiedono un minimo di allenamento alle escursioni in montagna Tariff

Val Poschiavina | Arrampicata su falesia a Sondrio e in Valmalenco

La roccia più diffusa in Valmalenco è il serpentino. Numerose sono le falesie in grado di soddisfare qualunque arrampicatore. Quella dello Zoia è un'ottima palestra naturale per chi vuole allenarsi e migliorarsi in un ambiente naturale unico, dove spesso si possono incontrare i migliori atleti italiani e non solo. Le altre falesie a più tiri sono quelle della Val Poschiavina, della diga di Campo Moro, del Torrione Porro e della Sentinella della Vergine. FALESIE DELLO ZOIA Da Campo Franscia salire fino Campo Moro (7 km). Dopo una curva, in vista del muro della seconda diga, lasciare l'auto nel grande piazzale del Rifugio Poschiavino. Dal parcheggio si possono notare i muri rossastri, caratterizzanti i tiri di quest'area. AREA DI CHIAREGGIO Chiareggio è culla della storia alpinistica e sede di gloriose scuole di alpinismo. Già a partire dal dopoguerra alcune pareti vicine all'abitato vennero utilizzate come palestra e scuola di roccia. Con l'avvento dell'arram