Passa ai contenuti principali

MAGIC WINTER IN LOMBARDIA 2019/2020

Valmalenco-Lago Mufule-Valmalenco-CREDITS-robertoganassa-clickalps
Valmalenco-Lago Mufule-Valmalenco-CREDITS-robertoganassa-clickalps
Con l’arrivo della prima neve, Regione Lombardia ha ufficialmente inaugurato la nuova stagione invernale 2019/2020. Da Madesimo a Foppolo, da Bormio a Livigno, da Santa Caterina Valfurva a Ponte di Legno, senza dimenticare i più piccoli, Piani di Bobbio e Valtorta, chi è alla ricerca della discesa perfetta trova 27 comprensori sciistici, 467 piste da discesa, 324 chilometri per lo sci di fondo e 14 snowpark, che sapranno soddisfare ogni tipo di richiesta di sciatori e amanti della neve.

La Valtellina, che ospiterà nel 2026 i Giochi Olimpici e Paralimpici Milano Cortina, è letteralmente il regno dello sci. L’area racchiude diversi e ampi comprensori sciistici a cominciare da Bormio, che offre 110 chilometri di piste immerse nel Parco Nazionale dello Stelvio, da cui prende il nome la pista più emozionante della ski area, nonché tradizionale tracciato di Coppa del Mondo. L’impianto sciistico si suddivide in tre aree che comprendono Bormio, Santa Caterina Valfurva e Cima Piazzi-San Colombano, collegate tra loro grazie al servizio navette gratuito e da un unico skipass. All’interno del parco si estendono sentieri adatti a escursioni con le ciaspole da percorrere in compagnia delle guide alpine, piste da fondo e tracciati per lo sci nordico.

La ski area di Livigno non è da meno: 115 chilometri di piste tra le quali spicca quella nera amata dagli sciatori più intrepidi e intitolata a Giorgio Rocca, ex sciatore alpino e vincitore di una Coppa del Mondo. Gli impianti di Livigno vantano anche il più celebre snowpark lombardo, il Mottolino, uno dei migliori in tutta Europa.

Da non dimenticare è poi il comprensorio dell’Alpe Palù, il biglietto da visita della Valmalenco. Per raggiungere le piste ci si serve della più grande funivia del mondo, la Snow Eagle, che passa da 985 metri di quota a 2.078 metri, raggiungendo quasi 2.000 metri di dislivello. La ski area comprende 60 km di piste da discesa e 37 km di piste da fondo.

A cavallo tra le province di Brescia e Sondrio, sorge la ski area Aprica - Corteno, che collega le stazioni di Palabione, Magnolta, Baradello e Campetti, quest’ultima dedicata a bambini e principianti. La Riserva Naturale di Pian di Gembro e la località di Trivigno ospitano i tracciati di fondo e i sentieri percorribili con la fat bike o con le ciaspole.

A Madesimo, in Valchiavenna, dove è nata una delle prime scuole di sci in Italia, gli amanti degli sport invernali troveranno impianti moderni, piste per lo sci di fondo e il Madesimo Winter Trail, un tracciato di nove chilometri sull’altopiano innevato adatto ai corridori più esperti.

Dopo una giornata sulla neve, gli ospiti della Valtellina potranno dedicarsi a relax e benessere: da non perdere infatti, sono le terme di Bormio, note per le benefiche acque termali millenarie, suddivise in tre impianti (QC Terme Bagni Nuovi, QC Terme Bagni Vecchi e Bormio Terme) e il centro Aquagranda di Livigno, che ospita wellness, piscine per grandi e bambini e trattamenti estetici.

Un altro rilevante comprensorio del territorio lombardo, più precisamente nell’area di Brescia, è il Pontedilegno-Tonale, dove si trova la storica cabinovia Paradiso che, dal Passo del Tonale, raggiunge i 3.000 metri di quota del Passo Paradiso. Oltre allo sci alpino, la ski area è anche rinomata per il fuori pista, lo snow kite e il biathlon, che combina lo sci di fondo e il tiro con carabina ad aria compressa. Nel cuore della bassa Valle Camonica si distendono i comprensori di Montecampione, che offre agli sciatori 20 tracciati che formano una vera e propria terrazza panoramica sul Lago d’Iseo, e la ski area di Maniva con 17 piste che raggiungono i 2.100 metri di altitudine. Inoltre, gli amanti della neve troveranno una lunga pista da sfidare con il bob o con le slitte e numerosi sentieri da trekking, ideali da percorrere con le ciaspole ai piedi.

Per quanto riguarda l’area bergamasca, il comprensorio Presolana-Monte Pora vanta 30 chilometri di piste da sci ideali per famiglie, principianti, ma anche per sciatori esperti. La ski area del Monte Pora comprende 22 piste tutte collegate tra loro, che regalano splendidi panorami del paesaggio alpino che va dall’Adamello alla catena del Monte Rosa. L’area sciistica della Presolana invece, include una scuola di sci che mette a disposizione un team di 30 maestri esperti su 12 chilometri di piste innevate. Le piste più lunghe e impegnative delle valli bergamasche sono situate nella stazione sciistica di Colere, che comprende anche un baby park perfetto per le famiglie. La Val di Scalve, paradiso dello sci nordico, ospita la Pista degli Abeti, un tracciato ad anello che si snoda all’interno di una suggestiva pineta. Nella zona di Bergamo, imperdibile la Valle Brembana, che ospita un importante comprensorio sciistico della regione: la ski area Foppolo Carona, regina dello sci bergamasco, che comprende ben 30 chilometri di piste e 9 impianti di risalita.

A solo un’ora di macchina dal capoluogo lombardo, in Valsassina, in provincia di Lecco, la neve non manca mai, grazie all’innevamento artificiale programmato. A unire la vallata lecchese a quella brembana sono i 36 chilometri di piste del comprensorio Piani di Bobbio-Valtorta, meta ideale soprattutto per le famiglie grazie alla presenza di piste baby, tracciati per bob e slittini, sentieri nei boschi e campi scuola per i più piccoli. Non mancano i percorsi per lo sci di fondo, due anelli di 7,5 chilometri ciascuno, completamente immersi nella natura. La destinazione, quindi, assicura sia divertimento ai principianti che grandi soddisfazioni ai più esperti.

Il divertimento non finisce certo con l’ultima discesa. A coronare la giornata sulla neve, sono i momenti di pausa per riprendere le forze e rifocillare il proprio stomaco nei rifugi che sorgono tra le piste da sci e che offrono i piatti tipici della tradizione come pizzoccheri, funghi e polenta taragna, brasato e sciatt. Sci e gastronomia locale saranno dunque il perfetto connubio per una vacanza invernale in Lombardia!

Per maggiori informazioni, visitare il sito:
https://www.in-lombardia.it/it/visitare-la-lombardia/vacanze-in-montagna-lombardia

Post popolari in questo blog

Brescia | itinerari sui sentieri della grande guerra | Gastronomia e Panorami

Quella che la provincia di Brescia svela quando la primavera alza il sipario sulle sue montagne è una vera e propria sinfonia dedicata agli amanti delle passeggiate in alta quota. Semplici, impegnativi o riservati ai professionisti del trekking di livello e dislivello, i sentieri che si diramano tra la Valle Camonica, la Valle Sabbia e la Valle Trompia non sono soltanto un parco divertimenti per i camminatori ma anche una costellazione di spunti storici che solleticano la curiosità e attivano la memoria. Tra i rifugi disseminati in paesaggi sensazionali e le testimonianze della Grande Guerra, Visit Brescia segna sulla mappa le tappe obbligate – o almeno consigliate – di un itinerario da percorrere a piedi o in mountain bike per toccare il cielo con un dito. Sentiero dei Fiori Non certo un percorso adatto a chi, lasciandosi ingannare dal nome, pensa di intraprendere una semplice passeggiata in un campo di margherite, il Sentiero dei Fiori è un’esperienza riservata a esperti in mate

Dicembre 2019 | Bormio - Escursioni nel Parco dello Stelvio con le ciaspole

Ciaspole-ph.-Bormio-Tourism Partenza ore 9:00 da Piazza V Alpini, Bormio     Sabato 7 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Alpe Solaz     Domenica 22 dicembre 2019 | Plaghera – Ponte delle Vacche – Pian delle Marmotte     Venerdì 27 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Pradecc – San Gottardo     Domenica 29 dicembre 2019 | S. Antonio di Scianno – Val Vezzola  *SCI ESCURSIONISMO*     Martedì 31 dicembre 2019 | semogo -Pian de L’acqua – Gembro Itinerari: gli itinerari potrebbero subire variazioni nei giorni precedenti l’effettuazione in funzione delle condizioni di innevamento e meteorologiche. Le escursioni saranno effettuate anche in assenza di neve. Equipaggiamento : giacca a vento, guanti, berretto, occhiali da sole, scarponi da montagna o scarpe invernali pesanti (no moon-boot), zaino, ghette, bastoncini da sci, racchette da neve Difficoltà : le uscite con racchette da neve non presentano difficoltà tecniche ma richiedono un minimo di allenamento alle escursioni in montagna Tariff

Val Poschiavina | Arrampicata su falesia a Sondrio e in Valmalenco

La roccia più diffusa in Valmalenco è il serpentino. Numerose sono le falesie in grado di soddisfare qualunque arrampicatore. Quella dello Zoia è un'ottima palestra naturale per chi vuole allenarsi e migliorarsi in un ambiente naturale unico, dove spesso si possono incontrare i migliori atleti italiani e non solo. Le altre falesie a più tiri sono quelle della Val Poschiavina, della diga di Campo Moro, del Torrione Porro e della Sentinella della Vergine. FALESIE DELLO ZOIA Da Campo Franscia salire fino Campo Moro (7 km). Dopo una curva, in vista del muro della seconda diga, lasciare l'auto nel grande piazzale del Rifugio Poschiavino. Dal parcheggio si possono notare i muri rossastri, caratterizzanti i tiri di quest'area. AREA DI CHIAREGGIO Chiareggio è culla della storia alpinistica e sede di gloriose scuole di alpinismo. Già a partire dal dopoguerra alcune pareti vicine all'abitato vennero utilizzate come palestra e scuola di roccia. Con l'avvento dell'arram