Val Poschiavina | Arrampicata su falesia a Sondrio e in Valmalenco

La roccia più diffusa in Valmalenco è il serpentino. Numerose sono le
falesie in grado di soddisfare qualunque arrampicatore. Quella dello Zoia è un'ottima palestra
naturale per chi vuole allenarsi e migliorarsi in un ambiente naturale unico, dove spesso si possono
incontrare i migliori atleti italiani e non solo. Le altre falesie a più tiri sono quelle della Val
Poschiavina, della diga di Campo Moro, del Torrione Porro e della Sentinella della Vergine.

FALESIE DELLO ZOIA
Da Campo Franscia salire fino Campo Moro (7 km). Dopo una curva, in vista del muro della
seconda diga, lasciare l'auto nel grande piazzale del Rifugio Poschiavino. Dal parcheggio si possono
notare i muri rossastri, caratterizzanti i tiri di quest'area.

AREA DI CHIAREGGIO
Chiareggio è culla della storia alpinistica e sede di gloriose scuole di alpinismo. Già a partire dal
dopoguerra alcune pareti vicine all'abitato vennero utilizzate come palestra e scuola di roccia. Con
l'avvento dell'arrampicata libera, dopo la metà degli anni Settanta, i sassisti trovarono su queste
strutture di fondovalle un terreno di gioco ideale per sperimentare la nuova filosofia e tecnica di
arrampicata. Recentemente il terreno di gioco degli arrampicatori si è ampliato con la riscoperta
del bouldering, ovvero la scalata sui massi alti pochi metri disseminati dalla piana di Chiareggio
sino al Rifugio Gerli-Porro. Tutte le pareti della zona si trovano in un contesto di alta montagna di
grande bellezza, dai 1.500 metri dei massi di Senevedo, collocati in piccole radure nascoste nella
pecceta, alla piana di Chiareggio, agli alti pascoli dell'Alpe Ventina a 2.000 metri.

AREA DELLA SASSELLA
Falesia a due passi dalla città di Sondrio. Procedendo sulla strada statale 38 si trova a 300 metri
prima dell'imbocco della tangenziale di Sondrio. In direzione nord si può vedere la falesia sulla
sinistra (alla rotonda imboccare la seconda uscita).
Per scaricare le cartine: sondrioevalmalenco.it/it/arrampicare-su-falesia-sondrio-valmalenco
Sondrio e Valmalenco, nel cuore della Valtellina, è un territorio caratterizzato da una natura
selvaggia, ma generosa, incastonato tra le Alpi Orobiche e Retiche, tra cui svetta, con i suoi 4.050
metri, il pizzo Bernina. Regno della neve d'inverno con 60 km di piste da sci, uno snowpark e una
sconfinata offerta di attività all'aria aperta, tra montagne bellissime e maestose, sa regalare una
scenografia di colori, profumi e sapori che mutano ad ogni stagione. Non mancano bellezze
naturali, artistiche, storiche e scenari unici, come i terrazzamenti vitati, sul versante retico
dell'Adda, sui quali si producono pregiati vini che ben si accompagnano ai migliori prodotti della
tradizione enogastronomica valtellinese.
Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco
Tel. 0342 451150
info@sondrioevalmalenco.it
www.sondrioevalmalenco.it

Post popolari in questo blog

Lombardia con i “Treni della neve” | Dal 7 dicembre 2019 fino al 13 aprile 2020

Con Visit Brescia ogni domenica itinerari tra i paesaggi del Lago d’Iseo, la Franciacorta e la Valle Camonica, a bordo di un treno di inizio ‘900, assaporando prodotti tipici.

Natale a Bergamo: le luminarie, la novità della grande ruota panoramica, lo spettacolo di accensione dell’Albero di Natale e le iniziative dei negozianti del centro, Borgo Santa Caterina, Borgo Palazzo e Città Alta