Passa ai contenuti principali

Val Poschiavina | Arrampicata su falesia a Sondrio e in Valmalenco

La roccia più diffusa in Valmalenco è il serpentino. Numerose sono le
falesie in grado di soddisfare qualunque arrampicatore. Quella dello Zoia è un'ottima palestra
naturale per chi vuole allenarsi e migliorarsi in un ambiente naturale unico, dove spesso si possono
incontrare i migliori atleti italiani e non solo. Le altre falesie a più tiri sono quelle della Val
Poschiavina, della diga di Campo Moro, del Torrione Porro e della Sentinella della Vergine.

FALESIE DELLO ZOIA
Da Campo Franscia salire fino Campo Moro (7 km). Dopo una curva, in vista del muro della
seconda diga, lasciare l'auto nel grande piazzale del Rifugio Poschiavino. Dal parcheggio si possono
notare i muri rossastri, caratterizzanti i tiri di quest'area.

AREA DI CHIAREGGIO
Chiareggio è culla della storia alpinistica e sede di gloriose scuole di alpinismo. Già a partire dal
dopoguerra alcune pareti vicine all'abitato vennero utilizzate come palestra e scuola di roccia. Con
l'avvento dell'arrampicata libera, dopo la metà degli anni Settanta, i sassisti trovarono su queste
strutture di fondovalle un terreno di gioco ideale per sperimentare la nuova filosofia e tecnica di
arrampicata. Recentemente il terreno di gioco degli arrampicatori si è ampliato con la riscoperta
del bouldering, ovvero la scalata sui massi alti pochi metri disseminati dalla piana di Chiareggio
sino al Rifugio Gerli-Porro. Tutte le pareti della zona si trovano in un contesto di alta montagna di
grande bellezza, dai 1.500 metri dei massi di Senevedo, collocati in piccole radure nascoste nella
pecceta, alla piana di Chiareggio, agli alti pascoli dell'Alpe Ventina a 2.000 metri.

AREA DELLA SASSELLA
Falesia a due passi dalla città di Sondrio. Procedendo sulla strada statale 38 si trova a 300 metri
prima dell'imbocco della tangenziale di Sondrio. In direzione nord si può vedere la falesia sulla
sinistra (alla rotonda imboccare la seconda uscita).
Per scaricare le cartine: sondrioevalmalenco.it/it/arrampicare-su-falesia-sondrio-valmalenco
Sondrio e Valmalenco, nel cuore della Valtellina, è un territorio caratterizzato da una natura
selvaggia, ma generosa, incastonato tra le Alpi Orobiche e Retiche, tra cui svetta, con i suoi 4.050
metri, il pizzo Bernina. Regno della neve d'inverno con 60 km di piste da sci, uno snowpark e una
sconfinata offerta di attività all'aria aperta, tra montagne bellissime e maestose, sa regalare una
scenografia di colori, profumi e sapori che mutano ad ogni stagione. Non mancano bellezze
naturali, artistiche, storiche e scenari unici, come i terrazzamenti vitati, sul versante retico
dell'Adda, sui quali si producono pregiati vini che ben si accompagnano ai migliori prodotti della
tradizione enogastronomica valtellinese.
Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco
Tel. 0342 451150
info@sondrioevalmalenco.it
www.sondrioevalmalenco.it

Post popolari in questo blog

Brescia | itinerari sui sentieri della grande guerra | Gastronomia e Panorami

Quella che la provincia di Brescia svela quando la primavera alza il sipario sulle sue montagne è una vera e propria sinfonia dedicata agli amanti delle passeggiate in alta quota. Semplici, impegnativi o riservati ai professionisti del trekking di livello e dislivello, i sentieri che si diramano tra la Valle Camonica, la Valle Sabbia e la Valle Trompia non sono soltanto un parco divertimenti per i camminatori ma anche una costellazione di spunti storici che solleticano la curiosità e attivano la memoria. Tra i rifugi disseminati in paesaggi sensazionali e le testimonianze della Grande Guerra, Visit Brescia segna sulla mappa le tappe obbligate – o almeno consigliate – di un itinerario da percorrere a piedi o in mountain bike per toccare il cielo con un dito. Sentiero dei Fiori Non certo un percorso adatto a chi, lasciandosi ingannare dal nome, pensa di intraprendere una semplice passeggiata in un campo di margherite, il Sentiero dei Fiori è un’esperienza riservata a esperti in mate

Dicembre 2019 | Bormio - Escursioni nel Parco dello Stelvio con le ciaspole

Ciaspole-ph.-Bormio-Tourism Partenza ore 9:00 da Piazza V Alpini, Bormio     Sabato 7 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Alpe Solaz     Domenica 22 dicembre 2019 | Plaghera – Ponte delle Vacche – Pian delle Marmotte     Venerdì 27 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Pradecc – San Gottardo     Domenica 29 dicembre 2019 | S. Antonio di Scianno – Val Vezzola  *SCI ESCURSIONISMO*     Martedì 31 dicembre 2019 | semogo -Pian de L’acqua – Gembro Itinerari: gli itinerari potrebbero subire variazioni nei giorni precedenti l’effettuazione in funzione delle condizioni di innevamento e meteorologiche. Le escursioni saranno effettuate anche in assenza di neve. Equipaggiamento : giacca a vento, guanti, berretto, occhiali da sole, scarponi da montagna o scarpe invernali pesanti (no moon-boot), zaino, ghette, bastoncini da sci, racchette da neve Difficoltà : le uscite con racchette da neve non presentano difficoltà tecniche ma richiedono un minimo di allenamento alle escursioni in montagna Tariff