Passa ai contenuti principali

PALAZZO MORANDO. “MILANO ANNI ’60”, IN MOSTRA LA STORIA DI UN DECENNIO IRRIPETIBILE DELLA VITA DELLA NOSTRA CITTÀ fino al 9 febbraio 2020

Archivio Garghetti

Palazzo Morando|Costume Moda Immagine ospita la mostra “Milano Anni ‘60” che ripercorre la storia di un decennio irripetibile che ha consacrato il capoluogo lombardo come una delle capitali mondiali della creatività in grado di assumere il ruolo di guida morale ed economica del Paese.
Promossa da Comune di Milano|Cultura Direzione Musei Storici e curata da Stefano Galli, la mostra è organizzata da MilanoinMostra in collaborazione con la Direzione Musei Storici del Comune di Milano e la Questura di Milano, con il patrocinio della Polizia di Stato e della Regione Lombardia.
 
La rassegna presenta fotografie, manifesti, riviste, arredi, oggetti di design e molto altro ancora, che faranno rivivere al visitatore l’atmosfera di quell’epoca straordinaria in cui Milano, spinta dal boom economico, si trovò improvvisamente a vivere un irrefrenabile fermento culturale, caratterizzato da una forza progettuale senza precedenti e dalla voglia di lasciarsi alle spalle in maniera definitiva gli orrori della guerra.
 
Il percorso espositivo, diviso in sezioni, si apre con le immagini della nuova Milano, il cui volto si modifica grazie alle nuove costruzioni, come il Pirellone, la Torre Velasca, la Torre dei servizi tecnici comunali, il Centro direzionale, la Torre Galfa ma anche la nascita dei quartieri periferici, tra i quali spiccano Quarto Oggiaro, Olmi, Gallaratese, Gratosoglio, Comasina, quest’ultimo iniziato nel 1953 e ultimato nel 1960, il più importante intervento edilizio in quegli anni in Italia con i suoi 11.000 vani e 83 palazzi.
 
Fotografie e riviste dell’epoca documentano il boom economico, con la realizzazione delle tangenziali milanesi, del tratto Milano-Piacenza dell’autostrada A1, infrastrutture che portarono una più rapida circolazione delle merci con una maggiore crescita delle aziende; celebri nomi della grafica pubblicitaria furono chiamati a ripensare i brand delle nuove e rinnovate realtà aziendali, a partire dal fondamentale progetto di Franco Albini e Bob Noorda per la Metropolitana Milanese.
 
Numerosi sono gli oggetti che aiutano a rievocare la grande stagione del design, con maestri del calibro di Bruno Munari, Marco Zanuso, Vico Magistretti, Enzo Mari, Achille Castiglioni, Sambonet, Joe Colombo, Gio Ponti. Si racconta la storia delle aziende milanesi coinvolte in questa clamorosa stagione. Tra tutte Brionvega, Cassina, Zanotta, Kartell, Tecno, Fontana Arte, Artemide, Flos, Arflex e Danese.
Anche il mondo della cultura, delle gallerie d’arte e del cabaret visse un periodo di grande spolvero. E naturalmente la musica, in particolare il jazz, che trovò casa in numerosi club sparsi per la città, come la Taverna Mexico, dove si esibirono i migliori esponenti di questo genere.
 
Già alla fine degli anni Cinquanta, Milano divenne anche un luogo apprezzato dove organizzare concerti memorabili, come quelli di Billie Holiday allo Smeraldo, dei Beatles al Vigorelli, dei Rolling Stones al Palalido, di Jimi Hendrix al Piper, ma fu anche il palcoscenico che vide affermarsi artisti quali Enzo Jannacci, Giorgio Gaber, Adriano Celentano, Patty Pravo.
 
La fine degli anni 60 segnò poi la nascita della contestazione, dalle rivolte studentesche negli atenei, sfociate nelle occupazioni della Statale e della Cattolica, ai picchetti nelle fabbriche e agli scioperi.
 
Chiude la mostra la sezione dedicata a piazza Fontana e alla fine del sogno, con le fotografie della strage e dei funerali, accompagnate da documenti e alcuni oggetti legati a questo tragico avvenimento alla cui ricerca e selezione, presso gli archivi della Polizia di Stato e non solo, ha collaborato la Questura di Milano.
 
“MILANO ANNI ‘60” a Palazzo Morando | Costume Moda Immagine è il nuovo appuntamento espositivo di un percorso iniziato con “Milano tra le due guerre. Alla scoperta della città dei Navigli attraverso le fotografie di Arnaldo Chierichetti” (2013) e proseguito con “Milano, città d’acqua” (2015) e “Milano, storia di una rinascita. 1943-1953 dai bombardamenti alla ricostruzione” (2016), “Milano e la mala” (2017) e “Milano e il Cinema” (2018).
Un viaggio a tappe nella storia di una città, attraverso le sue specificità, le vicende sociali, le tante iniziative culturali e imprenditoriali che ne hanno cambiato radicalmente il volto.
 
Catalogo edizioni MilanoinMostra.
 
INFO
Orari:
Martedì-domenica: 10.00-20.00 (la biglietteria chiude un'ora prima)
Giovedì: 10.00-22.30 (la biglietteria chiude un'ora prima)
 
Biglietti:
intero: € 12
ridotto: € 10 (studenti under 26, over 65, disabili, gruppi adulti e tutte le convenzioni)
ridotto speciale: € 8 (dipendenti ATM e possessori tessera annuale ATM)
Biglietto Famiglia:
1 genitore: € 10 + 1 figlio entro i 14 anni, € 6
2 genitori: € 10cad. + 1-2 figli, € 6 cad.
Omaggio: bambini da 0 a 6 anni, guide turistiche, accompagnatori di disabili; possessori Abbonamenti Musei Lombardia, Soci ICOM
 
Per informazioni e prenotazioni visite guidate: T. +39 327 8953761
 
INFO
T. +39 327 8953761 - T. +39 02 884 65735 – 46056 | c.palazzomorando@comune.milano.it | www.civicheraccoltestoriche.mi.it
 
FB e IG Milanoinmostra

Post popolari in questo blog

12–13 e 19-20 settembre 2020 Festival Franciacorta in cantina - Alle Tenute La Montina

Un settembre ricco di eventi quello che si prospetta per le cantine franciacortine, che in occasione del Festival Franciacorta accoglieranno wine lovers e turisti nei weekend del 12 -13 e 19 - 20 settembre    con visite guidate, degustazioni ed esperienze sul territorio. A La Montina di Monicelli Brusati , storica azienda fra le più conosciute ed apprezzate, durante i due fine settimana sono in programma alle 10.00 tour guidati della cantina con degustazione e domenica 20 settembre dalle 17.00 alle 19.30 una merenda campagnola in giardino. In quell’occasione, terminata la visita guidata della cantina, immersi nel verde delle Tenute La Montina, gli ospiti saranno invitati a provare una merenda rustica dai sapori tutti lombardi nel Giardino degli archi. Ad ogni partecipante sarà fornito un tagliere con assaggi di salumi e formaggi regionali, accompagnati da una focaccina morbida e un piccolo dolce ed abbinati a Franciacorta Satèn e Rosé Demi Sec La Montina. Un rilassante sotto

Alla scoperta delle Prealpi Bresciane su due ruote

La Valle Trompia, che si apre a pochi km dalla città di Brescia, è un luogo ideale da scoprire in sella alla propria bicicletta, grazie a splendidi paesaggi prealpini e alla pace di un territorio ancora lontano dal turismo di massa. Per questo motivo è nato Valle Trompia by Bike, un progetto, realizzato dalla Comunità Montana di Valle Trompia in collaborazione con il Comune di Collebeato, risultato vincitore del bando di Regione Lombardia “Viaggio InLombardia” per raccogliere sotto un’unica bandiera i tanti percorsi ciclabili della Valle, creando un simbolico “ponte” con Brescia e promuovendo una mobilità e un turismo sempre più sostenibili. D’altronde qui in valle Trompia, tra i verdeggianti pendii del Monte Maniva, le fresche acque del fiume Mella e un rigoglioso paesaggio alpino capace di rinvigorire con un solo sguardo, non mancano le alternative per un’indimenticabile esperienza su due ruote. A rendere particolarmente adatta a una vacanza a misura di bicicletta la Valle Trompia è

Visit Brescia - Montagne, laghi, colline tappezzate di vigneti: il caleidoscopio di proposte turistiche della provincia di Brescia

Escursioni©Comprensorio Pontedilegno-Tonale phMauro Mariotti Dai fitti boschi alpini della Valle Camonica alle spiagge dei laghi d’Idro, Iseo e Garda, passando per colline tappezzate di pregiati vigneti della Franciacorta e della Valtènesi , la provincia di Brescia racchiude nell’arco di circa 150 km una straordinaria varietà di paesaggi, luoghi, proposte turistiche . Un accogliente scrigno di tesori di natura, arte, storia, gusto, esperienze che sa stupire e all’interno del quale ciascuno può ritagliarsi la sua vacanza perfetta . E che per questa estate è pronto ad accogliere gli ospiti in totale sicurezza , per rigeneranti vacanze all’insegna del green, della natura, della vita attiva, del benessere e del gusto. Una terra ideale per vacanze Made in Italy, che volendo si può decidere di scoprire anche, inanellando meta dopo meta, un piacevolissimo tour estremamente variegato. Tre laghi, tre differenti modi di intendere la vacanza Con le loro diverse anime, i tre laghi di G