Passa ai contenuti principali

Mostra > "Comignoli" di Matteo di Ciommo > 19 - 28 novembre 2019 > Galleria Fatto ad Arte, Milano

La Galleria Fatto ad Arte, punto di riferimento per la promozione e valorizzazione del patrimonio artistico italiano legato alle arti applicate da oltre vent’anni, presenta la mostra personale di Matteo di Ciommo, artista emergente romano che presenta il progetto Comignoli, sculture dove la progettualità si lega indissolubilmente al saper fare.

La Galleria Fatto ad Arte si occupa da sempre del connubio tra arte e artigianato, dalle ricerche svolte con Ugo La Pietra alla scoperta dei territori omogenei, quei Genius Loci così carichi di pathos e storia, fino alle esperienze più contemporanee volte alla scoperta di realtà dove il 'Fare' artigiano si mescola a istanze artistiche e comunicative.

È in questo panorama variegato, ricco ed emozionante che la galleria ospita, con l’obiettivo di dare spazio a giovani talenti, la mostra Comignoli, una collezione progettata, disegnata e realizzata da Matteo di Ciommo.

Di formazione designer, Di Ciommo è da sempre attratto dal lato più concreto dell’architettura, non solo il progetto, ma anche la sua realizzazione fisica. Tra i suoi modelli d’ispirazione ci sono Alessandro Mendini, Ugo La Pietra e Michele De Lucchi - con cui ora collabora - designers che si sono confrontati con l’autoproduzione e che hanno fondato le basi del design italiano contemporaneo.

Il progetto esposto in mostra nasce durante una passeggiata sui monti di Varallo Sesia, quando Di Ciommo rimane affascinato da alcuni comignoli che vede spuntare sulle case, vere e proprie costruzioni in miniatura che si stagliano contro il cielo sopra le “vere” abitazioni. “È strano pensare che su un tetto, difficile da vedere e comunque lontano dallo sguardo, ci sia tanta cura per una componente architettonica che di fatto serve solo a far fuoriuscire il fumo” racconta l’artista.



Questa scoperta lo affascina al punto da mettersi alla ricerca di altri comignoli da ammirare e questa collezione nasce proprio cosi, con la volontà di far scoprire e far vedere da vicino delle affascinanti strutture di cui normalmente non ci accorgiamo, per donare loro la rilevanza che meritano.


L’artista così riassume il suo lavoro: “I miei comignoli sono sculture che si possono vedere da vicino, ho azzerato la distanza visiva e mi sono messo a studiarne i dettagli e a replicarli proprio per dire ‘Fermatevi ogni tanto e guardate in alto sui tetti…guardate il comignolo con che cura è stato studiato’”.

Milano, Pavia, Varallo Sesia, Bergamo, Verona: questi sono i luoghi che hanno ispirato Di Ciommo e che l’hanno portato a realizzare un itinerario ideale nell’Italia settentrionale, soffermandosi su questi piccoli dettagli inesplorati dai più.

La collezione si compone di dodici pezzi unici realizzati a mano dallo stesso artista, usando legno massello. Ed è proprio questa la peculiarità di Matteo Di Ciommo, non solo quella di ideare l’opera, ma di scolpire il legno manualmente e quindi di realizzarla con le proprie mani, intervenendo in prima persona in ogni fase del progetto. Un’affascinante sintesi di creazione artistica e progettuale insieme e saper fare manuale.

Matteo Di Ciommo alla domanda su come vede sé stesso e il suo lavoro risponde così: “Molti mi definiscono come “quello che fa cose belle con il legno”, o “quello che lavora il legno” che a me, a dire il vero, non piace molto perché è un po’ riduttivo. Mi definirei più un “ricercatore di Bellezza”, oppure – non in termini filosofici – un progettista o auto-produttore”.

Post popolari in questo blog

Brescia | itinerari sui sentieri della grande guerra | Gastronomia e Panorami

Quella che la provincia di Brescia svela quando la primavera alza il sipario sulle sue montagne è una vera e propria sinfonia dedicata agli amanti delle passeggiate in alta quota. Semplici, impegnativi o riservati ai professionisti del trekking di livello e dislivello, i sentieri che si diramano tra la Valle Camonica, la Valle Sabbia e la Valle Trompia non sono soltanto un parco divertimenti per i camminatori ma anche una costellazione di spunti storici che solleticano la curiosità e attivano la memoria. Tra i rifugi disseminati in paesaggi sensazionali e le testimonianze della Grande Guerra, Visit Brescia segna sulla mappa le tappe obbligate – o almeno consigliate – di un itinerario da percorrere a piedi o in mountain bike per toccare il cielo con un dito. Sentiero dei Fiori Non certo un percorso adatto a chi, lasciandosi ingannare dal nome, pensa di intraprendere una semplice passeggiata in un campo di margherite, il Sentiero dei Fiori è un’esperienza riservata a esperti in mate

Dicembre 2019 | Bormio - Escursioni nel Parco dello Stelvio con le ciaspole

Ciaspole-ph.-Bormio-Tourism Partenza ore 9:00 da Piazza V Alpini, Bormio     Sabato 7 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Alpe Solaz     Domenica 22 dicembre 2019 | Plaghera – Ponte delle Vacche – Pian delle Marmotte     Venerdì 27 dicembre 2019 | Madonna dei Monti – Pradecc – San Gottardo     Domenica 29 dicembre 2019 | S. Antonio di Scianno – Val Vezzola  *SCI ESCURSIONISMO*     Martedì 31 dicembre 2019 | semogo -Pian de L’acqua – Gembro Itinerari: gli itinerari potrebbero subire variazioni nei giorni precedenti l’effettuazione in funzione delle condizioni di innevamento e meteorologiche. Le escursioni saranno effettuate anche in assenza di neve. Equipaggiamento : giacca a vento, guanti, berretto, occhiali da sole, scarponi da montagna o scarpe invernali pesanti (no moon-boot), zaino, ghette, bastoncini da sci, racchette da neve Difficoltà : le uscite con racchette da neve non presentano difficoltà tecniche ma richiedono un minimo di allenamento alle escursioni in montagna Tariff

Val Poschiavina | Arrampicata su falesia a Sondrio e in Valmalenco

La roccia più diffusa in Valmalenco è il serpentino. Numerose sono le falesie in grado di soddisfare qualunque arrampicatore. Quella dello Zoia è un'ottima palestra naturale per chi vuole allenarsi e migliorarsi in un ambiente naturale unico, dove spesso si possono incontrare i migliori atleti italiani e non solo. Le altre falesie a più tiri sono quelle della Val Poschiavina, della diga di Campo Moro, del Torrione Porro e della Sentinella della Vergine. FALESIE DELLO ZOIA Da Campo Franscia salire fino Campo Moro (7 km). Dopo una curva, in vista del muro della seconda diga, lasciare l'auto nel grande piazzale del Rifugio Poschiavino. Dal parcheggio si possono notare i muri rossastri, caratterizzanti i tiri di quest'area. AREA DI CHIAREGGIO Chiareggio è culla della storia alpinistica e sede di gloriose scuole di alpinismo. Già a partire dal dopoguerra alcune pareti vicine all'abitato vennero utilizzate come palestra e scuola di roccia. Con l'avvento dell'arram